La Foresta Fotovoltaica di Hanwha: Un Modo più Intelligente per Piantare Alberi e Prevenire la Desertificazione


Nei paesi in cui i deserti non sono presenti, la 'desertificazione' può sembrare una questione lontana. Tuttavia, la situazione è molto più grave di quanto si possa pensare. Kofi Annan, ex Segretario Generale delle Nazioni Unite, una volta ha detto che uno dei più gravi problemi che la civiltà deve fronteggiare è proprio la desertificazione. Secondo un recente rapporto della UNCCD (Convenzione delle Nazioni Unite Contro la Desertificazione), 24 milioni di persone negli ultimi 40 anni sono state costrette a lasciare le loro case a causa della desertificazione e in aggiunta più di un terzo dei campi di grano è stato devastato.

Al fine di contribuire a risolvere il problema della desertificazione, Hanwha si è impegnata a realizzare la nostra missione nel fronteggiare il cambiamento climatico, l'esaurimento di energia e le sfide poste dalla carenza energetica. Attraverso gli sforzi, come piantare alberi e promuovere l'imboschimento, speriamo di portare un mutamento positivo per la comunità. A lungo termine faremo anche progressi nelle tecnologie pulite e promuoveremo la realizzazione di un futuro 'Verde' sostenibile.

The Hanwha Solar Forest

Che cos’è la Foresta ad energia solare di Hanwha?

Semplicemente cliccando sul vostro smartphone, mentre andate al lavoro, un albero può essere piantato e una foresta può fiorire nel mondo reale.

La foresta fotovoltaica di Hanwha è una campagna innovativa, attraverso la quale gli utenti di smartphone possono piantare alberi virtuali attraverso i loro dispositivi mobili e in cambio, Hanwha pianterà una vera e propria foresta in una zona colpita dalla desertificazione. L’obiettivo di questa campagna non è solamente diretto verso la sensibilizzazione bensì riveste un più grande significato nel portare avanti soluzioni ambientati attraverso una collaborazione collettiva globale.

Come conseguenza, Hanwha ha collaborato con Tree Planet nel 2011 per contribuire a lanciare un gioco per smartphone chiamato "Tree Planet”, che è anche un app ufficiale della UNCCD. Questa applicazione consente agli utenti di smartphone di piantare un albero attraverso i loro dispositivi mobili. Ad oggi, due foreste prima inesistenti, in due diverse parti del mondo, sono state piantate con l'aiuto di Hanwha e l’impegno di entusiasti utenti di smartphone.

La prima foresta fotovoltaica di Hanwha, Tujiin Nars, Mongolia

La Mongolia è nota per essere una delle regioni del mondo in cui la desertificazione è più grave dove solo il 4% del paese è occupato da foreste. Negli ultimi 40 anni, la temperatura media in Mongolia è aumentata di 2 gradi Celsius, che è quasi il doppio della media mondiale. A causa di questo cambiamento climatico, è stato stimato che un totale di 1.200 laghi e 900 fiumi sono scomparsi. L'impatto si diffonde nella vita degli abitanti della Mongolia, dove il cibo non è più abbondante.

A causa di questi motivi Hanwha ha voluto fornire aiuti alla Mongolia.

Nel 2012, più di 350.000 persone hanno partecipato a questa campagna attraverso la app Tree Planet. Grazie a questo impegno, abbiamo piantato la prima foresta ad energia solare di Hanwha, per mezzo della quale 230.000 alberi virtualmente coltivati sono stati poi realmente piantati nella Provincia Selenge in Mongolia.

Entro il prossimo decennio, si prevede che la regione sia capace di arginare un totale di 45.600 Kg di terra smossa che avrebbero altrimenti inquinato l'acqua e l'aria. La foresta, già pianificata, proteggerà contro l'inquinamento idrico e atmosferico, bloccando l’entrata delle particelle di polvere fluttuanti nelle acque, e assorbirà i dannosi biossido di zolfo, biossido di azoto e anidride carbonica dall’aria. La foresta continuerà a crescere e le sue radici creeranno una solida base, che aiuterà a mantenere una stima di 45.600 ettari di terreno alla deriva.

Queste sono alcune cifre da capogiro. Guarda il nostro video che testimonia ciò che può effettivamente essere fatto attraverso un grande impegno collaborativo da parte dei benefattori di tutto il mondo:

La prima foresta fotovoltaica di Hanwha
La Riserva Naturale Tujiin Nars, Mongolia, 2012

La foresta fotovoltaica di Hanwha - Evento di piantagione degli alberi a Ningxia | Italiano

//www.youtube.com/embed/1bLMq4RNQXI

A settembre 2011, Tree Planet e gruppo Hanwha hanno presentato un guìioco per smartphone che pianta alberi veri in Mongolia. Un anno dopo 24 novembre 2012, Tujiin Nars, Mongolia 350.000 gutenti del gioco hanno piantato 230.000 alberi nel Deserto Mongolo. Sponsorizzato da Hanwha Il 1° report sulle Riserver naturali Tujiin Nars, Mongolia, Foresta solare anti-desertificazione di Hanwha. Tottori: Residenti locali “Tujjin Nars è una grande foresta di pini di circa 160 ettari. Sono stati piantati 230.000 larici in 60 ettari della Northern Nature Reserve di Ulan Bator.” Khan: Ranger della Riserva Naturale ”Gli alberi piantatati in inverno verranno coperti dalla neve. Collaboriamo con le ONG locali per assicurarci che riescano a superare l'inverno". National University of Mongolia Batu: Dean of Forestry Department, National University of Mongolia ”La desertificazione in Mongolia è un problema ambientale globale. Noi crediamo che la costante partecipazione di aziende e organizzazioni come gruppo Hanwha e Tree Planet possa prevenire e impedire la desertificazione”. Hyung Soo Kim: CEO di Tree Planet ”Questa è la Hanwha Solar Forest dove stanno crescendo i nostri alberelli. Gli alberi che gli utenti del nostro gioco hanno inviato, hanno impedito la desertificazione in Mongolia e contribuiscono a diminuire il riscaldamento globale. Ringraziamo tutti per esservi uniti a noi in questo sforzo per salvare il mondo". piantare per tutti.

La prima foresta fotovoltaica di Hanwha La Riserva Naturale Tujiin Nars, Mongolia, 2012

La seconda foresta fotovoltaica di Hanwha a Ningxia, Cina

Nel 2013 Hanwha ha costantemente lavorato verso la prevenzione della desertificazione, decidendo di andare avanti e di costruire la seconda foresta fotovoltaica di Hanwha. La Riserva Nazionale Baijitan a Ningxia (Cina) è stata scelta come sede per questo progetto. Questa regione del mondo è fonte di gravi tempeste di polvere gialla che causano seri problemi nel nord-est asiatico. Con questa prospettiva, il sito di Ningxia in Cina ha guadagnato un posto speciale nel cuore di Hanwha per l'avanzamento del progetto della foresta fotovoltaica di Hanwha.

Acquisisci familiarità con il nostro processo guardando il film qui sotto:



Dal gennaio 2013, più di 300.000 persone hanno contribuito a piantare alberi nella seconda foresta fotovoltaica di Hanwha. Entro la fine del 2013, più di 200.000 alberi saranno piantati a Ningxia, Cina. Questa iniziativa creerà un’area anti-depauperamento di 110 mila mq che prevede di assorbire 2.470 tonnellate di CO2 nei prossimi 10 anni. Inoltre giocherà un ruolo importante nel prevenire le tempeste di polvere gialla trattenendo il pulviscolo e riducendo il deflusso delle acque e il controllo delle colonie di insetti

I dipendenti di Hanwha mentre piantano alberi nel deserto Mu Us



Hanwha sta concentrando i suoi sforzi per creare "Energy for Tomorrow" (Energia per il Domani), rendendo il futuro più vivace e sostenibile per le generazioni a venire. Ci rendiamo conto che il problema mondiale della desertificazione non è qualcosa che può essere risolto in una giornata e che dobbiamo continuare a prenderci cura del mondo in cui viviamo. Hanwha spera che la comunità globale continui a prestare attenzione al progetto della foresta fotovoltaica di Hanwha, una iniziativa che ha creato un nuovo modo di combattere la desertificazione attraverso la sensibilizzazione sul problema e creando interesse attraverso la partecipazione volontaria.

Perchè la seconda foresta fotovoltaica è speciale

Coltura alimentata ad energia solare, 100% sostenibile

Hanwha ha donato e installato un impianto solare fotovoltaico di 80kWh, prodotto in Cina nel 2012 dal partner regionale della CCD, Hanwha SolarOne, Co. Ltd., per la Riserva Nazionale Baijitan a Ningxia,. Inoltre, Hanwha ha fornito la formazione tecnica necessaria per aiutare il personale della piantagione.

Il sogno di una “foresta a zero emissioni di carbonio”

Hanwha è concentrata sulla situazione; i combustibili fossili vengono bruciati per produrre l'energia necessaria per innaffiare le piantagioni di alberi. I combustibili fossili sono una delle ragioni principali della desertificazione. Hanwha è volta a ridurre l'uso di combustibili fossili, utilizzando la sua tecnologia fotovoltaica per generare l'energia ai fini di coltivare gli alberi che saranno piantati.

Con la coltivazione di alberi cresciuti grazie alla tecnologia solare di Hanwha, la seconda foresta fotovoltaica è stata in grado di diventare sostenibile e il sogno di una "Foresta a zero emissioni di carbonio" può finalmente diventare realtà.

Hanwha trova il modo di utilizzare l'energia solare per migliorare il mondo in cui viviamo e portare un cambiamento positivo per la comunità globale, sfruttando i vantaggi delle nostre stesse tecnologie per l’energia solare.

L'obiettivo di questa campagna è quello di aumentare il numero di alberi senza inquinare l'atmosfera. Partendo da questo concetto, l'energia solare ha giocato un ruolo importante in questa campagna forestale. Anziché bruciare combustibili fossili per generare l'energia utilizzata per innaffiare gli alberi, la tecnologia fotovoltaica di Hanwha è utilizzata per creare l'energia utile a coltivare gli alberi che saranno piantati. Grazie a questo sistema eco-friendly, la seconda foresta fotovoltaica di Hanwha è stata in grado di diventare una foresta sostenibile a zero emissioni di carbonio.

Pannelli solari installati a Ningxia, Cina

Applicazione TreePlanet3
Piantando un albero virtuale tramite l'app Treeplanet3, un albero vero crescerà nella Hanwha Solar Forest.
Back to top